New York

Arrivo a new york

Dopo il rocambolesco arrivo al loro albergo, gli investigatori si dividono le stanze, secondo il vecchio metodo universitario ("pa me', pa te', yo!") e la coppia Filth-Meatwood si accasa in una doppia, mentre i signori Nashfield e Blake si appropinquano nelle due singole. Dopo una cena a base di calamari e wurstel, si preparano a dormire, visto che nel giorno successivo dovranno andare alla ricerca di informazioni alla Prospero Press, almeno per chiedere informazioni di Elias.

Sede della Prospero Press

Date le informazioni attualmente in mano ai pg, non rimane altra strada che prendere contatti con Jonah Kensington, l'editore dei libri del loro amico Elias. Il signor Kensington accoglie i pg con un certo garbo, ma neanche lui può dir loro molto di più, anche se sembra sapere dell'altro. Nel frattempo i pg compiono alcune ricerche sui libri di Elias e sulla spedizione Carlyle, riuscendo a costruire un discreto quadro della situazione: in particolare notano

  1. la mancanza dei cadaveri dei bianchi che facevano parte della spedizione.
  2. Roger Wayne Worthington Carlyle, il finanziatore della spedizione, non aveva MAI dimostrato interesse per le spedizioni archeologiche prima d'ora.
  3. Gli altri compagni bianchi della spedizione, Jack Ottone Brady, Sir Aubrey Penhew, Robert Houston sembrano avere un motivo di debito nei confronti di Carlyle.
  4. L'itinerario della spedizione risulta sospetto: durante gli scavi in Egitto la spedizione è partita improvvisamente per il Kenya, apparentemente senza motivo, dove sono stati uccisi nei pressi della Montagna del vento nero, che pare sia stata teatro di numerosi culti esoterici e sanguinari.

Niente di più comunque di quello che avrebbero potuto ottenere dalla stampa e dalle classiche ricerche. Dopo 4 giorni di permanenza, vengono contattati da Jackson Elias, che li invita nella sua stanza d'albergo per il giorno dopo. A Nashfield appare molto preoccupato e ansioso.

Stanza di Jackson Elias

I pg vanno di buon' ora alla stanza di Elias. Bussano più volte, ma non ottengono risposta: Jackson Filth dunque decide di correre alla reception per avvisare l'impiegato di turno. Questi, munito di un passepartout, apre la porta: all'interno della stanza ci sono 3 Kenyani ed Elias massacrato sul letto. Uno di questi aveva sentito l'impiegato armeggiare, dunque attacca quest'ultimo con una Pranga, decapitandolo sul colpo. Tutti i pg riescono a mantenere la calma e inizia il lo scontro: Jonathan Alexander Black e Clint Meatwood riescono a eliminarne 2, John Nashfield colpisce indegnamente la salma di Elias con un colpo di pistola, Jackson Filth tenta di bloccare il terzo minacciandolo con la pistola, ma questi riesce a scappare, inseguito dagli altri 3 che riescono in seguito a catturarlo, ma questi appena preso si suicida mordendosi la lingua. Nel frattempo, Jackson Filth fa man bassa di tutti gli averi di Elias che trova ed esamina la salma, rinvenendo uno strano simbolo sulla sua fronte. Al successivo arrivo della polizia, i pg parlano di quello che è successo al tenente Martin Poole e vengono a conoscenza che altri omicidi sono stati compiuti usando lo stesso simbolo. In seguito a ciò, tornano nel loro albergo ed esaminano gli indizi rinvenuti (vedi in basso), guardando i quali i pg notano che manca il manoscritto di Elias che avrebbe dovuto arrivare alla Prospero Press, ragion per cui decidono di tornare alla sede della Prospero Press. Parlando con Kensington, Jackson Filth rivela "alla sua maniera" a quest'ultimo la morte di Elias: l'editore, sconvolto, consegna ai pg la corrispondenza di Elias. A questo punto, i pg si dividono: Filth e Meatwood cercheranno notizie ad Harvard, Nashfield e Black cercheranno informazioni rispettivamente alla polizia e riguardo Erica Carlyle, verso la quale Jonathan Alexander Black sembra nutrire una certa attrazione.

Indizi rinvenuti
Indizio Deduzione
Lettera di Faraz Najir Controllare la parentesi egiziana della spedizione Carlyle
Biglietto da visita importazioni Emerson con il nome Silas 'Nkwane Chiedere di Silas 'Nkwane alla sede delle importazioni Emerson
Lettera di Miriam Atwright Elias aveva bisogno di un libro della biblioteca di Harvard
Bustina di fiammiferi del bar della tigre ubriaca di Shangai Elias è stato a Shangai, o comunque riteneva fosse importante ai fini della sua ricerca
Corrispondenza di Elias Elias è stato coinvolto in una sorta di "complotto", di cui voleva informare il mondo… forse chi l'ha ucciso voleva impedirgli di parlarne
Corrispondenza di Elias Sarebbe il caso di controllare la cassaforte di Carlyle, in quanto dovrebbero esserci dei libri utili all'indagine
Corrispondenza di Elias Controllare le note dello psichiatra di Erica e Roger Carlyle

Informazioni sul simbolo (1)

Falliscono i tentativi di Clint Meatwood e di Jackson Filth: nessuno ad harvard sembra sapere del simbolo qualcosa in più di quello che i pg già conoscono riguardo il suo legame con il culto della lingua scarlatta, che pare abbia avuto sede sulla montagna del vento nero; riguardo il libro che Jackson Elias aveva richiesto alla bibliotecaria di Harvard, Miriam Atwright, Jackson Filth riesce solo a sapere che il libro era Oscure sette africane, ma è misteriosamente scomparso (dopo un simpatico siparietto riguardo l'abitudine del professore a urlare "Elias… È MORTO!", di cui vi rimando alla sua pagina, sezione "Momenti degni di nota"). A questo punto Jackson Filth contatta un suo vecchio amico dell'università di Arkham nella speranza che possa recuperarlo per lui, ma anche questo tentativo ha un esito negativo, costringendo il professore a bestemmiare il bue e l'asinello.

Indizi rinvenuti
Indizio Deduzione
Manco il cazzo Neanche mezza

Un caffè con Martin Poole

Mentre Jonathan Alexander Black tenta (invano) di farsi fissare un appuntamento con Erica Carlyle, John Nashfield va a parlare con Martin Poole, l'ufficiale di polizia che ha in mano il caso delle uccisioni avvenute a New York per mano dei cultisti Kenyoti. Ottiene dal suddetto alcune informazioni interessanti, in particolare riguardo la ritualità degli omicidi e il simbolo da loro usato, ma niente di particolarmente utile… inoltre, grazie a uno spaventoso tiro di psicologia, il tenente riesce a capire che Nashfield gli nasconde qualcosa e decide di seguire i pg. Riunitisi tutti con il loro nuovo amico, decidono di seguire l'indizio che porta più vicino, ovvero alla sede delle importazioni Emerson e al nome Silas 'Nkwane.

Indizi rinvenuti
Indizio Deduzione
Un tenente rompicoglioni Il custode ha intenzione di darci filo da torcere

Importazioni Emerson

I pg si riuniscono per star dietro a ciò che sembra la meta più importante (e più vicina). Entra Jackson Filth spacciandosi per interessato all'acquisto di reperti kenyoti, sfruttando la sua qualifica di professore universitario di lingue africane: Tuttavia il signor Emerson informa il professore di essere un commerciante all'ingrosso e di non trattare acquisti al dettaglio. Al nome di Silas 'Nkwane il signor Emerson ha un lampo di riconoscimento e comunica al professore che è il proprietario di un negozio di reperti africani che molto spesso si rifornisce da lui, inoltre si lascia scappare di aver indirizzato al negozio di 'Nkwane lo stesso Jackson Elias: non fidandosi del signor Emerson, il professore non approfondisce la questione. All'uscita, dice quello che è riuscito a sapere ai pg, causando la reazione di Martin Poole, che entra furioso e chiede di Elias al commerciante… temendo di poter essere in futuro collegati al tenente, i pg restano fuori dal negozio, non potendo sentire ciò che il commerciante ha riferito allo stesso e di cui il tenente rifiuta di parlare.

Ju-ju house

Cambia la suddivisione dei gruppi: Jonathan Alexander Black e John Nashfield entrano, Jackson Filth e Clint Meatwood restano fuori con il tenente, con l'ingiunzione di intervenire nel caso di un ritardo maggiore di 5 minuti da parte dei primi 2.
Arrivati dentro il negozio,Black e Nashfield si fingono incuriositi riguardo a vari manufatti,nel frattempo passati i 5 minuti,entrano anche Jackson e Clint,insieme a due Kenyoti.Il nostro professore,dimostrando un abile conoscenza delle lingue straniere,riesce a captare delle frasi importanti tra Silas e i due(riguardo un rituale),ripromettendosi di indagare in serata.

Sotterraneo Ju-ju house

Ritornati la sera sul posto,John Nashfield e Jackson Filth decidono di entrare per primi mentre gli altri pg restano in macchina di guardia.Ad un certo punto vedono due simpatici Kenyoti con in braccio una sagoma stranamente familiare(oh,ma guarda un pò,è Martin Poole!!!).Superata la decisione iniziale di lasciarlo al suo destino,i coraggiosi pg decidono di entrare dentro la Juju House per riscattarlo.Trovata una botola,ci si ritrova davanti un simpatico rituale con uomini stranamente nudi e una specie di sacerdote in abito di piume(è inutile che me lo dite,tanto non è un'orgia).
Data l'approssimarsi del sacrificio di Poole, appeso ignudo a testa in giù ad un argano poco sopra il pozzo da cui provengono lamenti non proprio rassicuranti, i pg decidono di aprire il fuoco. Dalla loro impalcatura, estraggono le armi e John Nashfield ha la buona idea di piazzare un colpo di fucile nel simpatico stomaco del sacerdote, che felicemente collassa… gli africani ignudi decidono allora di assaltare, recuperate le pranghe, di affettare gli ospiti indesiderati… ospiti che notano molto allegramente la presenza di qualche cadavere che cammina… almeno gli zombi erano vestiti… evviva la decenza…. cmq, mentre 4 africani decidono di scardare l'impalcatura comprensiva di scalinata (con scarso successo), i pg aprono il fuoco sulla massa di gente che si avvicina, mentre il sacerdote, ripresosi, decide di lanciare l'unico incantesimo della sua infelice esistenza su Jonathan Alexander Black, rendendolo catatonico per un po'…
Dopo una simpatica battaglia,i nostri eroi hanno la meglio sulle forze del male (evviva!!), riuscendo a recuperare alcuni oggetti importanti per la loro avventura,insieme al tenente creduto morto dopo un simpatico viaggio nel pozzo(nooooo!!!!).

I diari dello strizzacervelli

Il giorno dopo, Nashfield e Meatwood vanno accompagnati da Martin Poole all'ordine dei medici per ritirare gli appunti di Robert Houston; Meatwood, ignorando la procedura, riesce solo a far insospettire l'incaricato della custodia di questi manoscritti, fortunatamente il tenente Martin Poole riesce ad accorrere in suo aiuto sfoderando il suo tesserino.

Da questi diari si evincono due informazioni interessanti: pare che il dottor Houston sia stato ricattato da Roger Carlyle per costringerlo a prender parte alla spedizione, tirando in ballo una storia riguardante un rapporto extra-matrimoniale con annesso aborto clandestino e morte dell'amante (la qual cosa visti i tempi non era proprio il massimo della reputazione per un medico affermato come lo psicologo).

In questi appunti si accenna inoltre al rapporto tra Carlyle e Anastasia, una poetessa africana che pare lo abbia iniziato a un misterioso culto che sembra rifarsi al famigerato Culto della lingua scarlatta.

Party di Erica Carlyle

Clint Meatwood e Jonathan Alexander Black decidono alla fine di andare al party dove finalmente avrebbero incontrato
Erica Carlyle.La strategia adottata è questa:i due entrano separatamente fingendo di non conoscersi,e mentre Black si reca da Erica,Clint decide di starsene in disparte per vedere l andamento della situazione,incontrando casualmente un parapsicologo con camicia rossa e giacca nera.Nel frattempo Black inizia una fitta conversazione con Erica,entrando nelle sue simpatie e facendosi mostrare anche la libreria dove si presupponeva ci fossero i libri del fratello.Avvicinatosi a Meatwood in maniera casuale,gli svela l ubicazione della stanza e lascia a lui il compito di infiltrarsi.
Clint,dopo aver azzeccato due tiri luck mostruosi,riesce a scoprire l ubicazione della cassaforte con relativa combinazione e ad ottenere i suddetti oggetti.
Il trasporto fuori è stato un pò più problematico:assicuratosi di non essere seguito,decide di andare alla prima finestra e di buttare i libri nel giardino dopo averli coperti con il suo cappotto.Riunitosi con Black,decide di uscire dalla finestra del bagno per prenderli senza farsi notare,non avendo considerato che nella villa c'erano due simpaticissimi cagnolini pitbull assassini e mangiatori di uomini:-).
Alla fine decide di tentare il tutto per tutto mettendosi a correre,recuperando i libri e beccandosi giusto un paio di colpi dal portiere armato di calibro .45
Nel frattempo Black distrae un paio di guardie situate all ingresso per rendere più agevole la fuga.
Di seguito il bottino:

  • Libro distrutto e divorato dalla pioggia (illeggibile)
  • Vivere come un dio (e morire comm a nu strunzo, secondo l'opinione dei pg, vista la fine dell'autore)
  • Selection Du Livre D'Yvonne, in lingua francese (rovinato ma riparabile)

Epilogo

Dopo essere finalmente tornati a casa,i nostri eroi decidono di esaminare i vari libri,riuscendo a trovare un incantesimo utilissimo(creare zombie!!),e a acquisire un pò di punti a Chtulu Mythos.Dopo aver confrontato tutti gli indizi in loro possesso,si decide per una tappa comune:Londra,la capitale della Gran Bretagna nonchè sede della fondazione Penew e di molti altri misteri.
Jackson Filth decide di contattare il suo assistente Joey Cutolo per lasciargli degli indizi in caso di una sua prematura dipartita,mentre gli altri pg affidano a Jonah Kensington il compito di fare il loro corrispondente.Fatto questo si stabilisce la data per la partenza.

Prosegui per: Londra
Ho paura! torniamo a Preludio

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License